Imparare a mangiare bene per tutta la vita con semplicità e praticità

Imparare a mangiare bene per tutta la vita con semplicità e praticità

Una alimentazione sana, varia ed equilibrata dal punto di vista calorico è un elemento essenziale per preservare la salute. Infatti, l’acquisizione di un corretto “stile di vita” alimentare è utile non solo per ritrovare il giusto peso e soddisfare le esigenze estetiche, ma anche per aiutare nella prevenzione e nel trattamento di numerose patologie.

Escludere eventuali cause endocrinologiche di sovrappeso/obesità e sottopeso è necessario per inquadrare bene il Paziente fin dall’inizio.

Evitare la sindrome dell’oscillazione del peso è altresì fondamentale per garantire il mantenimento a lungo termine dei benefici che derivano da una corretta alimentazione. A tale proposito è importante acquisire un metodo pratico e facilmente riproducibile che mediante un’accurata selezione qualitativa e quantitativa degli alimenti consenta di “fare la dieta sempre senza sentirsi a dieta”.

La visita dietologica consiste in una serie di incontri durante i quali un medico endocrinologo, con competenze in ambito nutrizionale, elaborerà un piano dietetico personalizzato, che tenga conto non solo delle abitudini alimentari del paziente, ma anche della presenza di eventuali alterazioni del metabolismo.

Durante la prima visita, il Paziente, che è invitato a portare con sé tutta la sua documentazione clinica, verrà per prima cosa sottoposto ad una accurata anamnesi personale e familiare, in cui saranno raccolte informazioni relative ad eventuali patologie o a terapie in corso. L’incontro procederà con il colloquio nutrizionale, in cui il Paziente avrà modo di riferire le sue abitudini alimentari e quali cibi preferisce rispetto ad altri. A chiudere il primo colloquio sarà l’esame clinico, che consiste nel calcolo dell’indice di massa corporea tramite la misurazione di altezza e peso, nella valutazione dei parametri antropometrici (circonferenza vita e fianchi) e nell’esame  biompedenziometrico (BIA). Quest’ultimo esame consente di stabilire in modo quantitativo e qualitativo  la composizione della massa corporea ( massa magra, massa grassa, acqua) semplicemente mediante l’utilizzo di un apparecchio bioelettrico (bioimpedenziometro). C’è inoltre la possibilità di eseguire, in casi selezionati, un elettrocardiogramma (ECG).

Tutti i dati anamnestici e clinici saranno utilizzati per l’elaborazione di un piano dietoterapico personalizzato che, nei giorni successivi al primo colloquio, sarà inviato al Paziente tramite e- mail o posta ordinaria.

L’onorario della prima visita è comprensivo di altri 2 incontri che, a cadenza mensile o personalizzata, il Paziente potrà utilizzare per il controllo del peso e per chiarire eventualmente con il medico i particolari della dieta.